La casalinga media forse non legge “Le Scienze”…e si perde delle chicche.

Nel numero di questo mese infatti si parla di come fare la mousse al cioccolato senza panna e senza uovo, rendendola un po’ meno calorica (eh basta essere convinte…) e adatta anche alle amiche intolleranti ai latticini.

Si scioglie il cioccolato a bagnomaria, si unisce un certo quantitativo di acqua tiepida, si mescola bene e si frulla con la frusta per qualche minuto. Tutto qui.

Il trucco consiste nel valutare attentamente la percentuale di grasso contenuta nel cioccolato e nell’unire al cioccolato sciolto il giusto quantitativo di acqua. Occhio che si va nel difficile: la percentuale di grasso del cioccolato deve essere il 34% dell’acqua. Io ho usato il cioccolato Bolivia 70% della CuoreNero (avrei anche usato il Lindt ma non riportava i dati nutrizionali, perciò non si poteva fare il conto della percentuale grasso/acqua). Da etichetta, su 100g di cioccolato ci sono 42.4g di grasso; sui miei 50g di cioccolato, perciò, c’erano 21.2g di grasso. L’acqua perciò doveva essere (21.2g/34)*100 = 62g. Ho sciolto il cioccolato a bagnomaria, l’ho tolto dal fuoco, ci ho messo dentro l’acqua tiepida e ho mescolato. Lo so, sembra una schifezza immane e vi viene voglia di buttare via tutto, ma abbiate fede. Ho aspettato qualche minuto e ho travasato il tutto in una ciotola fredda di freezer, che va mantenuta fredda immergendola in acqua e ghiaccio. Si monta il tutto con la frusta elettrica alla massima velocità, la cucina si riduce come un dalmata ma tenete duro, finchè la mousse non sarà della consistenza desiderata. Per ovvie ragioni non vi so dire per quanto tempo si mantenga in frigorifero, perchè sono riuscita a malapena a fare la foto e poi qualcuno se l’è divorata. Questo perciò è tutto quello che ne rimane…

Annunci