Oggi si torna a casa, e il programma del giorno consisterà in lavatrici e spesa, oltre a scaricamento delle foto. La stima prepartenza si aggira intorno al migliaio a testa, delle mie spero che almeno qualcuna sia decente!

Attracchiamo a Savona alle 9.00, puntualissimi come sempre, e l’impeccabile organizzazione della Costa si fa sentire: veniamo fatti scendere a scaglioni divisi per colore dell’etichetta del bagaglio, che ci è stato ritirato stanotte. Troveremo i bagagli già al terminal, perchè il passeggero non si deve camallare niente a bordo nave, fanno tutto loro. Troviamo i bagagli in un secondo, infatti, già ad un passo dal parcheggio.

Abbiamo salutato la SPDP, che si rifa questo giro altre 4 volte senza mai scendere agli scali (boh). In questo istante mi viene voglia di nascondermi in bagno, stare in nave fino ad Arecife, e poi darmi alla macchia…

Ci portano a casa Fabio e Mara, che sono venuti a prenderci (grazie!!!). Siamo fortunati, ci sono  tedeschi e sloveni che si devono sparare altre 8 ore di pullmann prima di essere a casa, e di sicuro non troveranno una giornata tiepida e con il sole come quella con cui la Liguria ci ha accolti stamattina, così, tanto per non farci rimpiangere troppo Madera (che forse è il posto più “ligure” tra tutti quelli che abbiamo visto).

Le tortore si sono ricordate e sono scese a mangiare quasi subito (ero preoccupata), non mi sembrano patite anche se si mangiano mezza scatola di muesli in un’ora. Meno male. Torniamo alla normalità…

Annunci