Vi segnalo un’iniziativa di cui ho letto sul blog di Viviana, cioè la giornata mondiale della lentezza.

Sarà il 15 marzo 2010, che è un lunedì. A farla di domenica eravamo capaci tutti, invece vi voglio vedere di lunedì, con la rogna dell’inizio settimana, la coda in autostrada (e qui con la lentezza ci siamo), il capo che vi strilla, le 50 mail quotidiane e il collega che vi tampina, ad applicare la semplice regola della lentezza che ci farebbe vivere meglio ma che non è tanto tollerata di questi tempi. Pensare che ci sono ricerche su ricerche che dimostrano come il multitasking sia in realtà uno spreco di tempo, che non permetta di essere così efficienti come il dedicarsi ad un singolo compito alla volta (è abbastanza ovvio, a dirla tutta), e che in realtà abbia effetti deleteri a lungo termine sul cervello . Perchè diavolo ci si ostini a propagandare come modello vincente quello del lavoratore sempre raggiungibile, sempre connesso, che fa tre cose alla volta, che non tira mai il fiato e non fa nemmeno la pipì perchè perde tempo, non lo so, visto che non è nemmeno produttivo. Misteri.

Ci proviamo, in quel giorno, a scendere un po’ dalla ruota del criceto?

Annunci