Luogo: IperCoop, venerdì 30 aprile (non irrilevante: l’indomani tutti i negozi saranno chiusi)

Ora: circa le 20.15 (la Coop chiude alle 20.30)

Condizioni al contorno: c’è una bolgia infernale, pieno di turisti (riconoscibili dal cestinetto pieno di piatti di carta, birra e quattro salti in padella), fila alle casse. La sottoscritta si è appena sciroppata 1h3/4 di macchina per arrivare alla Coop, ha mal di pancia, mal di testa e non è in generale dell’umore adatto; sta facendo la fila alla cassa automatica che, per quanto intasata, è meglio messa di quelle dotate di commessa.

E’ necessario che chi è dotato di bambino quattrenne al seguito faccia passare tutti gli articoli sul lettore di codice a barre dal bambino stesso, mettendoci il triplo del tempo?

Annunci