” Il giardino è un collegamento concreto con la vita e con la morte. Si potrebbe dire che esista addirittura una religione del giardino, poichè insegna profonde lezioni psicologiche e spirituali. Tutto ciò che può accadere ad un giardino può accadere all’anima e alla psiche – troppa acqua, troppo poca, cimici, caldo, tempesta, inondazione, invasione, miracoli, morte, rinascita, grazia, guarigione.”

“Nel giardino ci esercitiamo a lasciar vivere e morire pensieri, idee, preferenze, desideri e perfino amori. Piantiamo, strappiamo, seppelliamo. Dissecchiamo i semi, li seminiamo, li sosteniamo.

Il giardino è un esercizio di meditazione, per capire quando è tempo per alcunchè di morire”

Clarissa Pinkola Estés – Donne che corrono coi lupi

Annunci